Crea sito

| INDICE | Alfa Romeo GT 1300 Junior | Fiat 125S | Fiat 126 | Fiat 500F | Fiat 600 | Fiat 124 Sport | Fiat 1100 D | Fiat Uno ES | Lancia Beta Hpe | Mercedes 200T |

 

 

 

Caratteristiche tecniche

Motore 4 tempi, alesaggio x corsa 89 x 80,25 mm, cilindrata 1997 cm3, rapporto di compressione 9:1, potenza massima 109 CV (80 kw) a 5200 giri/min., coppia max 170 Nm a 3000 giri /min. Distribuzione a camme in testa comando a catena. Alimentazione a pompa meccanica a membrana, carburatore Pierburg. Lubrificazione forzata mediante pompa ad ingranaggi, filtro olio in derivazione a cartuccia di carta ricambiabile sul circuito principale. Accensione elettronica Bosh senza contatti. Raffreddamento a circolazione forzata di liquido con pompa centrifuga.

Trasmissione frizione monodisco a secco comando idraulico, cambio meccanico di serie a 4 marce optional 5 marce o automatico  a 4 marce comando leva centrale sul pavimento.

Impianto frenante e sterzo freni a disco sulle quattro ruote, due circuiti indipendenti, sistema antibloccaggio dei freni e correttore di frenata agente in funzione del carico sul retrotreno, freno a mano agente sulle ruote posteriori  comando a pedale e ganasce agenti su tamburo ricavato sul disco freno. Sterzo a vite e rullo ZF servoassistito.

Sospensioni anteriori con ruote indipendenti bracci oscillanti superiori bracci oscillanti inferiori, ammortizzatori idraulici telescopici coassiali con il mollone, barra stabilizzatrice. Sospensioni posteriori a ruote indipendenti, bracci oscillanti, ammortizzatori autolivellanti con camera aria contenente gas e collegata con il regolatore di frenata per agire in funzione del carico comandati da pompa azionata dall'asse a cammes, barra stabilizzatrice.

Impianto elettrico a 12 Volt con negativo a massa. Alternatore 14 V 55 A. Motorino di avviamento a 12 V 1,5Kw. Batteria 12 V 55Ah.

Ruote 6J x 14 H2 pneumatici 195/70R14 a richiesta cerchi in lega.

Prestazioni e consumo velocità massima 168 Km/h in 4° marcia. Pendenza massima superabile 44%. Consumo urbano 13,1 litri/100 Km, consumo a 90 Km/h 7,6 litri/100Km, consumo a 120 Km/h 9,6 litri/100Km.

Dimensoni e peso (Lunghezza 4.725mm, larghezza 1,786mm, altezza 1,470 mm, passo 2,795mm. Peso in ordine di marcia 1480 Kg. Peso max consentito 2100 Kg, peso rimorchiabile 1500 Kg.

 

Galleria fotografica

 

 

 

  

Impressioni e giudizi

PRO

- Linea ancora oggi elegantissima
- Finiture eccellenti
- Ottimo confort
- Frenata sicura al pari di una vettura odierna (specie se montato l'ABS)
- Ottima visibilità in tutte le condizioni
- Ottimo bagagliaio (specie la station vagon 200 T)

CONTRO

- Prestazioni modeste
- Consumo elevato
- Manutenzione un pò onerosa

I consigli del collezionista

La Mercedes W123 nota presso gli appassionati anche con il soprannome di "gattone" è una vettura sostanzialmente sana e con pochi punti deboli, segno di una costruzione accurata e fatta senza badare a spese. Comunque tutte le macchine con il passare degli anni e dei chilometri qualche problema può saltar fuori. Ora vediamo quali sono i più frequenti e come porvi rimedio.

La carrozzeria a differenza di altre marche, sopratutto italiane, è poco soggetta alla ruggine in quanto le lamiere erano sottoposte a zincatura e trattamenti anticorrosivi molto efficaci. Però è possibile trovarne alcune tracce sullo spoiler anteriore e sulla parte bassa dei parafanghi posteriori. Il seccarsi delle guarnizioni dei fari posteriori può permettere all'acqua di entrare nel baule con conseguenti danni al fondo. Sulle prime serie manca sul fondo dell'incavo dove è alloggiato il perno del tergicristallo destro il foro di scolo poi aggiunto nella seconda serie con il risultato che l'acqua ristagnando fa marcire questa parte che per essere riparata richiede tempo e della riverniciatura di tutta la fascia tra parabrezza e cofano.

Attenzione richiedono anche i paraurti, infatti anche piccoli urti staccando la gomma che li avvolge la privano della capacità di impedire all'acqua di penetrare con la conseguenza di far marcire la rotaia su cui essa è fissata. Altri punto debolè sono gli scoli del tetto aprire che sono in metallo e pertanto nel tempo si arrugginiscono e si otturano.

Altri punti a rischio ruggine possono essere le battute delle porte, i parafanghi, il sottoscocca specie nei risvolti laterali. Va precisato che questi ultimi soffrono in caso di marcia frequente su strade cosparse di sale o per riparazioni mal eseguite. Per quanto riguarda gli interni, il vinile è praticamente eterno e pure i rivestimenti in pelle se sottoposti ad un minimo di cure resistono bene mentre il tessuto di cotone dell'ultima serie tende a tagliarsi sui fianchi dei sedili, sopratutto quello del pilota. Anche il velluto si usura facilmente come pure le molle dei sedili che dopo i 100.000 cedono e se non cambiate immediatamente rovinano i supporti in crine e il tessuto del rivestimento . I rivestimenti in vinile sono robusti, ma quelli di colore blu tendono a tagliarsi sulla parte centrale della plancia. I legni del cruscotto tendono a tagliarsi e bisogna intervenire con un collante tipo Bostik.

I pulsanti alzavetro scoloriscono facilmente e le lampadine che illuminano le manopole della climatizzazione tendono a rendere fragile la plastica e il ricambio è molto costoso e introvabile. Quanto alla meccanica, il cambio a cinque marce è il più delicato, diventa rumoroso dopo 250.000 chilometri ma può andare avanti fino a 500.000 prima di richiedere una revisione generale. Anche il differenziale può durare 500.000 chilometri ma è indispensabile curare la manutenzione dell'albero della trasmissione sostituendo spesso i delicati e costosi giunti elastici.

Il motore della 200 nell'ultima serie, comune alla 190, ha i suoi punti deboli nel carburatore nella famiglia dei ......... inglesi soggetta a frequenti usure della membrana con conseguente esaurimento dell'olio del pistone. Nella guarnizione del collettore di scarico che se non prontamente sostituita fa bruciare le valvole e l'usura spesso precoce nella catena della distribuzione. L'indicatore carburante non è molto preciso e il trasduttore di livello si guasta facilmente e il ricambio è molto caro.

Molta cura richiede anche l'aria condizionata che va ricaricata almeno ogni 5 anni. A questo proposito bisogna spendere due parole in più: l'impianto originariamente era rifornito con gas R12 comunemente soprannominato Freon che oggi è stato abbandonato quasi del tutto poichè cancerogeno. Quindi in caso sia necessario ricaricare l'impianto è necessario trasformarlo per l'utilizzo del gas R134A abitualmente adoperato.

Altri parti delicate sono i supporti motore, durano 150.000 chilometri, l'ammortizzatore dello sterzo che dura 100.000 e le guarnizioni dei fari anteriori soggette ad essiccarsi. Anche le sospensioni posteriori idrauliche delle station wagon non sono proprio del tutto riposo: le sfere ad alta pressione durano circa 100.000 lo stesso dicasi per gli ammortizzatori: il guaio che i ricambi costano parecchio.

| INDICE | Alfa Romeo GT 1300 Junior | Fiat 125S | Fiat 126 | Fiat 500F | Fiat 600 | Fiat 124 Sport | Fiat 1100 D | Fiat Uno ES | Lancia Beta Hpe | Mercedes 200T |

Copyright 2011 - Ultimo aggiornamento 22.09.2012